A seguito del lavoro attraverso le sessioni individuali, si è fatta sempre più forte la richiesta di sviluppare dei corsi, così che le persone potessero acquisire gli strumenti per lavorare su loro stesse indipendentemente da un operatore. Mentre in sessione si porta una tematica, in un percorso viene messo in discussione il paradigma di base con cui viviamo la vita e tutti i limiti prospettici che nel tempo abbiamo strutturato e cristallizzato dentro di noi. Uscire dall’ipnosi in cui ci troviamo, figlia del profondo condizionamento su tutti i livelli e della fedeltà ai dogmi familiari e culturali, è qualcosa per cui serve un atto di profonda osservazione consapevole e per ottenerla è importante rompere il velo della normalità, della “scontatezza” e dell’abitudine. Sempre più mi sono resa conto che per molti era difficile vedere le proprie dinamiche, perché erano così abituati ad esse, da non riuscire a riconoscerle. Per riconoscere qualcosa, in effetti, è indispensabile averla conosciuta, mentre le azioni sono spesso così automatiche che riuscire a coglierne le radici è quasi impensabile. Così ho dato vita al mio primo corso, il Percorso del Loto, tenutosi in anteprima a Pistoia e successivamente a Bergamo, Recco e Prato. Esso si è evoluto sempre di più, di pari passo alla mia crescita personale, avvenuta sia attraverso l’esperienza personale che professionale.
Nonostante i continui e importanti ampliamenti delle informazioni offerte, il Percorso del Loto ha mantenuto il suo carattere spirituale e orientaleggiante. Chakra e Corpi Sottili sono stati svelati come parti di noi di cui facciamo concretamente esperienza, cosa diventata sempre più chiara durante le spiegazioni dei vari blocchi e delle distorsioni, che viviamo come dinamiche assolutamente concrete. Partendo dal presupposto che ogni corso è diverso, perché diverse sono le persone e le loro esigenze profonde e dinamiche, in ognuno di essi ho visto crescere i partecipanti ed anche io sono cresciuta con loro. Il merito non è ovviamente del corso, ma dello spirito con cui ognuno si è messo in gioco, permettendosi di uscire cambiato da ogni incontro e, cosa ancor più importante, da ogni esperienza della vita quotidiana. Questo corso ci accompagna a conoscerci, prendendoci così come siamo e cambiando piuttosto gli occhi con cui guardiamo le cose, sospendendo giudizi e pregiudizi: così la trasformazione avviene da sola.
Da qualche mese a questa parte ho accolto però anche richieste diverse, di persone meno proiettate verso l’oriente, verso i suoi termini e lo stile di indagine interiore meditativo. Sempre di più sono arrivate persone che non riuscivano a stare ferme, a concentrarsi e che avevano bisogno di utilizzare canali diversi per entrare in loro stessi. Così ho studiato un nuovo percorso, chiamato “Viaggio nell’Inconscio”. Come dice il nome stesso si tratta di un vero e proprio viaggio, composto di 4 parti, ognuna della durata di 4 moduli, per un totale di 16 tappe.
4 seminari saranno incentrati sull’istinto e su tutti i programmi che si trovano in questo spazio così profondo da essere il più difficile da consapevolizzare, ma che attraverso questi incontri verrà esplorato in lungo e in largo. Vedremo quali sono gli istinti e impareremo a sentirli, a riconoscere le strategie di sopravvivenza che abbiamo sviluppato ed i loro limiti, per poterli eventualmente (senza forzature) superare.
4 moduli ci accompagneranno invece a sondare le nostre emozioni, osservandole da tutte le prospettive, sia nel legame con le esigenze istintive, di appartenenza, che nelle dinamiche che comportano. Dalle matrici alle conseguenze, vedremo queste parti di noi e le strategie che l’inconscio ha generato per lasciarle sepolte, con le conseguenze che ciò ha per la nostra vita attuale. In un ottica di funzioni, un territorio molto lontano da quello in cui il giudizio opera, vedremo gli immensi equilibri che esistono dentro di noi e nel toccare con mano quell’ordine avremo la possibilità di trovare soluzioni nuove, allineate all’illimitato.
Altri 4 moduli verteranno invece sulla personalità, sondandola a livello di reazioni funzionali agli imprinting istintivi e alle ferite emozionali. Inizieremo a conoscere quella miriade di parti che siamo soliti definire io, osservando anche le scissioni interne generate dalla morale familiare e sociale, a cui abbiamo aderito allo scopo di appartenere. Accogliendo i frammenti evidenti, così come quelli che abbiamo deciso di seppellire dietro a un muro di giustificazioni e idee, cammineremo verso l’integrità, scoprendo come la vita stessa ci mostra cosa siamo chiamati a integrare.
L’ultimo gruppo di moduli, sempre 4, saranno invece relativi alla mente e alla Coscienza. Buona coscienza e Cattiva coscienza saranno chiamate mente, mentre la Coscienza con la “C” maiuscola starà ad indicare quello spazio di neutralità lucida e presente che osserva tutto in modo oggettivo. Scopriremo la struttura della mente, le sue funzioni ed i processi che avvengono, portandoci alla scoperta delle loro radici. Anche l’interazione con la mente collettiva sarà sondata e osservata, compresa, per poterci spostare oltre i suoi limiti. E per finire vedremo come, oltre alle barriere che per sopravvivere abbiamo messo, esiste una realtà oggettiva, essenza della nostra stessa natura. Scopriremo come opera, come si muove e cosa avviene quando, non curanti della realtà, facciamo di tutto per cercare di adattarla alla menzogna che abbiamo interiorizzato, lamentandoci poi delle conseguenze. La conclusione sarà quindi qualcosa che ci riporta in contatto con il reale, permettendoci di vedere quando non lo siamo, non per condannarci, bensì per poter essere testimoni delle conseguenze e imparare così da ogni esperienza, scoprendo la nostra natura e quella della Vita.
LE DIFFERENZE
Il Percorso del Loto rimane il corso più mistico, contemplando anche le teorie orientali, là dove esse si incontrano con la filosofia classica e le moderne teorie della fisica. Le dinamiche metafisiche e il mondo sottile sono i protagonisti indiscussi dei 15 moduli del corso, tutte cose attraverso gli esercizi impareremo a sentire e riconoscere nella vita. Gli esercizi proposti sono molto vari: tecniche attive, statiche e quotidiane ci accompagnano a conoscere ciò che abbiamo dentro e sondarne le radici. Visualizzazione, disegno, movimento, concentrazione e contemplazione vengono utilizzati come canali e allenati sempre più, al fine di aumentare la sensibilità a ciò che avviene interiormente, così come di conoscere le dinamiche per poterne essere testimoni nella vita quotidiana. Sebbene si arrivi a vette più alte, sondando frequenze molto elevate del nostro essere, riconosco che non è un percorso per tutti, bensì studiato per chi già si interessa ad argomenti contro corrente, al lavoro su di sé e alla meditazione.

Viaggio nell’Inconscio è invece un vero e proprio viaggio di esplorazione interiore, con molti più esercizi di natura attiva, spesso basati sulla rappresentazione. In coppia, in gruppo e da soli, ci metteremo di fronte alle varie parti di noi, così da ascoltare cosa emerge. Saranno quindi esercizi più occidentali, movimentati, in cui semplicemente saremo chiamati ad ascoltarci ed aiutati a decodificare quella sensazione, così da poterla riconoscere se tornasse ad affacciarsi nella nostra vita, oppure se venisse proiettata su altre persone. I moduli di questo corso saranno invece 16 e non saranno toccati argomenti relativi al mondo sottile o alle visioni orientali. Si tratterà di un percorso molto empirico, dove le mie esperienze personali e professionali saranno messe a disposizione di tutti, per testarle personalmente ed osservare come se ci permettiamo di muoverci oltre i vecchi limiti, di approcciarci alle cose e alla vita in maniera diversa, tutto cambia. Non ci muoveremo in questo senso più in là delle parti individuali (se non negli ultimissimi moduli), ma vedremo molto profondamente le dinamiche inconsce, al fine di illuminare l’intero nostro essere di consapevolezza.
PROSSIMI CORSI
Il Percorso del Loto è attualmente in corso a Recco, Bergamo e Prato, al termine dei quali sarà riorganizzato in altre città. Al momento non ho date e località certe, ma c’è la possibilità che venga organizzato nei pressi del Lago di Garda per il 2020/2021, inoltre è al vaglio la possibilità di portarlo a Torino.
Viaggio nell’inconscio inizierà invece a Gennaio a Milano (luogo in cui da Settembre inizierò a presentarlo) così come nei pressi di Genova.
Per info e prenotazioni scrivere all’indirizzo email: